Cucina con la Birra: 3 primi piatti della tradizione.

Cucina con la Birra: 3 primi piatti della tradizione.

La birra in tavola può essere un ingrediente delle vostre ricette e diventare parte integrale dei cibi ma, può essere la bevanda ideale per accompagnare non solo può accompagnare molti piatti, anche varie specialità tradizionali delle nostre regioni e piatti della cucina internazionale.

In questo caso ho scelto 3 ricette per preparare dei primi piatti con la birra privilegiando la semplicità di esecuzione.

Sono piatti tipici della nostra gastronomia, che non stravolgeranno i gusti e le abitudini dei vostri commensali ma, che vi faranno fare un’ottima figura con quel tocco in più che può dare la birra.

Per la preparazione di questi piatti le birre più indicate sono le bionde Lager di gradazione compresa fra i 4,5 e i 5,5 % vol, le più facili da reperire.

Ma se volete sperimentare e aggiungere un vostro tocco personale potete scegliere qualche birra più caratterizzata, come ad esempio le Bock, di gradazione più elevata e con la possibilità di utilizzarla in versione scura.

Risotto primavera alla birra

birra

Ingredienti e dosi per quattro persone:

320 grammi di riso arborio o vialone nano
2 cipolle
2 gambi di sedano
3 carote
1 bicchiere di birra bionda
60 grammi di burro
2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
1 ciuffetto di prezzemolo
1 litro di brodo
Parmigiano grattugiato
Sale e pepe q.b.

Preparazione:

  • affettate cipolle, sedani e carote
  • metteteli a soffriggere in una casseruola con l’olio e il burro, tranne una noce
  • aggiungete il riso e fatelo tostare leggermente a fiamma abbastanza alta
  • versate la birra e aspettate che evapori, mescolando
  • abbassate la fiamma e aggiungete, un poco alla volta, il brodo, continuando a mescolare di frequente
  • quando il brodo è esaurito, spegnete il fuoco e lasciate riposare per qualche minuto
  • aggiungete il parmigiano, spolverizzato con il prezzemolo
  • mantecate il rimanente burro, quindi servite

Maccheroni piccanti.

Ingredienti e dosi per 4 persone:

Gr. 400 di maccheroni
1/2 cipolla
1 carota
1 costa di sedano con la foglia verde
1/2 cucchiaio di capperi
8 olive verdi snocciolate
4 acciughe
gr. 30 di burro
1 piccolo peperone verde
2 bicchieri di birra
3 cucchiai di Emmental svizzero grattugiato
Sale e pepe

Preparazione

  • mettete il peperone in forno a 200°
  • quando è ben arrostito toglietegli la pelle e i semi
  • fate un trito con la carota, il sedano, i capperi, le olive e il peperone
  • aggiungete le acciughe dopo averle dissalate e disliscate
  • mettete tutto in un tegame con il burro, sale e pepe
  • fate stufare a tegame coperto per 15 minuti circa
  • versate poi la birra, facendo cuocere a fuoco basso ed a tegame coperto per 25-30 minuti
  • lessate al dente i maccheroni in acqua bollente salata e scolateli
  • conditeli con il sugo di verdura e birra, lasciandone un po’ da parte
  • imburrate una larga pirofila
  • aggiustatevi i maccheroni conditi, versandovi sopra il sugo rimasto
  • cospargete tutto con l’Emmental e qualche fiocchetto di burro
  • infornate a 200° per 20 minuti circa
  • servite i maccheroni ben caldi in pirofila

Minestra di ceci alla birra.

Ingredienti e dosi per 4 persone

Gr:200 di ceci
1/2 litro di birra
1 porro
1 spicchio d’aglio
8 foglie di basilico
1 rametto di rosmarino
1 foglia di mentuccia
1 bicchierè di olio di oliva
2 litri di acqua
Pepe bianco e sale

Preparazione:

  • ponete a bagno i ceci in acqua fredda per 12 ore
  • metteteli poi in una pentola con l’acqua, con la birra e con un sacchetto di garza dove avrete messo l’aglio, il rosmarino e il porro tagliati a pezzettini uguali
  • fateli cuocere a fuoco lento per 2 ore e 1/2 circa
  • dieci minuti prima che la cottura sia ultimata, passate la metà dei ceci al passaverdura, quindi aggiungete il passato alla minestra
  • a cottura ultimata togliete il sacchetto con gli aromi
  • aggiungete l’olio, il sale e il pepe e assicuratevi che i ceci siano ben cotti
  • pochi minuti prima di servire la minestra profumatela con il basilico e la mentuccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »