Bamberg: La città della Birra Affumicata

Bamberg: La città della Birra Affumicata

Bamberg è nota agli amanti della birra per essere la città tedesca dove si produce la Schlenkerla, la famosa birra affumicata... Ma Bamberg non è solo questo.

Oltre a essere una bellissima città medievale, Bamberg in fatto di birra offre ancora di più.

Dopo aver fatto tappa al famoso birrificio di Schlenkerla e alla sua taverna, ci sono ben altri 10 birrifici a carattere famigliare, tutti nella cerchia cittadina, che offrono buone birre e una sfiziosa cucina tradizionale.

La birra a Bamberg è di casa dal 1122, anno in cui i monaci benedettini dell’Abbazia di San Michele, ricevettero il permesso dal vescovo Ottone per poter produrre la birra.

Questa la prima testimonianza storica documentata.

Me quello che è importante, per chi ama unire le vacanze o i viaggi turistici alla scoperta della birra, è il fatto che a Bamberg è possibile partecipare a delle visite guidate a tema birrario.

Una delle visite guidate più note è la Bier Schmecker Tour.

Bere Birra al Giardino del Luppolo

Ci sono diverse possibilità, in base al tempo disponibile, di visitare i birrifici della città, incluso quello di Schlenkerla.

Sul numero dei birrifici e quali visitare, potrete consultarvi con l’Ufficio del Turismo locale, visto che vi sono diversi programmi.

Alcuni vi condurranno a visitare altri luoghi più interessanti, come il Museo della Birra e il Giardino del Luppolo.

Altri sono esclusivamente dedicati ai birrifici e quindi includono la dimostrazione di come viene prodotta la birra e, ovviamente, una serie di degustazioni.

Al Museo della Birra viene illustrata la storia, quasi millenaria, della birra in Franconia.

La visita si conclude con una degustazione della birra ufficiale del Museo.

Per quanto riguarda il Giardino del Luppolo, oltre alla visita al luppoleto, il tour guidato comprende la tappa a un piccolo birrificio, la degustazioni di quattro birre artigianali e degli assaggi di specialità gastronomiche preparate con il luppolo, fra le quali un dessert al cioccolato che ha per ingredienti sia il luppolo sia la birra.

Nelle Grotte della Birra

Poiché Bamberg è una città distribuita su sette colli, molti birrifici hanno scavato delle grotte e dei cunicoli, nei fianchi delle colline, che venivano utilizzati quando non c’era la tecnologia del freddo, per conservare la birra al fresco.

Diversi di questi cunicoli-depositi possono essere visitati durante il giro dei birrifici.

Per concludere la parte birraria, vi segnalo che ognuno dei birrifici di Bamberg produce almeno 4 o 5 tipologie di birra e quindi avrete a solo l’imbarazzo della scelta.

Oltre alla famosa birra affumicata, il vostro palato potrà anche apprezzare le Weizen, le birre con una percentuale di frumento, le Bock e le Dopppelbock, di maggiore gradazione alcolica, oltre a birre non filtrate servite alla spina.

La cittadina di Bamberg conta circa 70 mila abitanti ed è a misura d’uomo.

Si gira agevolmente a piedi ed è un gioiello anche dal punto di vista architettonico con la presenza di case medievali ed edifici barocchi, che non hanno subito modifiche nel corso del tempo.

A Bamberg scorre il fiume e la birra

La città è attraversata da due rami del fiume Regnitz e si dice, scherzosamente, che il terzo ramo che scorre all’interno della città sia, appunto, quello della birra.

Dal punto di vista prettamente turistico, oltre alla vecchia Corte di Bamberg, dove sorge l’antica residenza imperiale e vescovile, è molto interessante il Vecchio Municipio che è situato su un ponte, quasi a creare un’isola artificiale nel bel mezzo del fiume.

Nel Municipio sono allestite delle sale con delle esposizione di maioliche e porcellane con l’effige di Ludwig II, il famoso Re di Baviera.

Da non perdere assolutamente il vecchio quartiere dei pescatori che sorge sulle rive del fiume forato da piccole case, con giardini e approdi per le barche.

bamberg

Per concludere, tornando alla birra, vi segnalo alcuni birrifici di Bamberg che secondo me sono assolutamente da non perdere:

E voi ci siete mai stati? Dammi una birra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »